Ricchiuti partecipa alla campagna social per i migranti

“Retrouvaille”: un percorso per le coppie che vogliono salvare il loro matrimonio
27 settembre 2017
Altamura. Gli operatori pastorali a convegno
12 ottobre 2017
Show all

Agli oltre 20.000 visualizzatori: aprite le vostre braccia


Continua la presenza nei social di Mons. Giovanni Ricchiuti con la su personale partecipazione alla campagna “Share the journey” promossa da Caritas Internationalis per i migranti.
Una foto con le braccia spalancate, in un luogo significativo, simbolo di accoglienza e di integrazione, è quello che si chiedeva ai presuli e ai responsabili di gruppi, movimenti e associazioni ecclesiali, imitando quanto già Papa Francesco aveva fatto nell’udienza generale in Piazza San Pietro mercoledì 27 Settembre.
Questa campagna, sposata da numerosissimi esponenti del mondo ecclesiale, nasce con l'obiettivo di promuovere la “cultura dell'incontro” nelle comunità da cui i migranti partono o ritornano, in quelle in cui transitano e in quelle in cui scelgono di stabilire le loro case.
Attraverso “Share the journey” si vuole capire e contribuire a far capire perché così tante persone stanno lasciando la loro terra in questo momento storico. Si vogliono anche stimolare le comunità a costruire relazioni con rifugiati e migranti, accendere una luce e illuminare la strada. La migrazione è una storia molto antica, ma questa campagna mira ad aiutare le comunità a vederla con occhi nuovi e un cuore aperto.
Papa Francesco nel lanciare questa campagna si è rivolto ai promotori con queste parole: “Cristo stesso ci chiede di accogliere i nostri fratelli e sorelle migranti e rifugiati con le braccia, con le braccia ben aperte. Accogliere proprio così, con le braccia ben aperte. Quando le braccia sono aperte, sono pronte a un abbraccio sincero, a un abbraccio affettuoso, un abbraccio avvolgente”.
Mons. Ricchiuti postando la sua foto sulla pagina Facebook della Diocesi di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti, scattata in Piazza Benedetto XIII a Gravina, dove dall’anno scorso è sorto un dormitorio all’interno della residenza vescovile, per quanti non hanno un tetto, gestito dalla Caritas Diocesana, chiamato “Filoxenia”, ha ricevuto tantissimi plausi, commenti d’approvazione, e oltre 20.000 visualizzazioni. Non è mancata qualche voce contraria, ma anche in questo l’Arcivescovo Ricchiuti è rimasto sulla scia di Papa Francesco, così duramente polemizzato, dopo il pranzo con i poveri di Bologna nella Basilica di San Petronio.

Sac. Giuseppe Loizzo
Direttore UDCS