In serata l’Ordinazione presbiterale del diacono don Michele Azzolino

Don Domingo Ariano pronto a consacrarsi al Servizio del Signore
15 Luglio 2021
Oggi ad Altamura l’Ordinazione sacerdotale di don Francesco Morgese
16 Luglio 2021
Show all

La comunità di fedeli della diocesi di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti si prepara ad accogliere in dono, per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria dell’Arcivescovo Mons. Giovanni Ricchiuti, un nuovo presbitero.

Questa sera, giorno in cui ricorre la Solennità della Madonna del Carmine, l’omonima parrocchia in Maria Madre della Chiesa di Altamura farà infatti da cornice, a partire dalle 19.00, al rito di Ordinazione presbiterale del diacono don Michele Azzolino. Sarà possibile la Solenne Messa in diretta tv e streaming sui canali dell’emittente Tele Dehon.

Dopo aver vissuto fin da ragazzino il clima parrocchiale della Chiesa Madre di Spinazzola, decide di seguire l’invito di sua sorella a partecipare a quanto veniva proposto in parrocchia per i più giovani, occasione che lo porta nel tempo a stringere sempre più nuove ed importanti amicizie. Ha preso forma così il profondo intuito vocazionale di Michele, ventisettenne futuro diacono transuente, che la nostra Diocesi si prepara quest’oggi ad accogliere in dono attraverso l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di Mons. Ricchiuti. Il suo ministero confluirà il prossimo anno nel presbiterato.

Da progettista di casa a «progettista di Dio». «In diverse occasioni l’idea di poter diventare sacerdote – racconta Michele – si é affacciata alla mia vita, non l’ho mai presa sul serio. Anzi! È sempre stata per me un’idea da rifuggire e di cui avere paura. Da grande sarei stato architetto e avrei avuto una bella famiglia numerosa! Tuttavia, il Signore, quando vuole, lo zampino nella nostra vita lo sa mettere e sa sfruttare tutti i mezzi possibili per scombinare i nostri piani».

Il 2012, l’anno della svolta: «A settembre in diocesi ci fu la Missione Giovani: una settimana carica di eventi per incontrare i seminaristi di Molfetta. La settimana successiva per me sarebbe cominciata l’esperienza universitaria: mi ero iscritto alla facoltà di Ingegneria Edile – Architettura a Bari. Non avevo grande voglia di farmi coinvolgere dagli eventi della Missione Giovani, eppure così non fu!». Quei seminaristi portarono infatti nelle giornate di Michele «una ventata di freschezza e gioia che proprio io non riuscivo a trovare da nessun altra parte». Con loro si aprì «un mondo di domande fino ad allora tenuto chiuso che mi portò ben presto a decidere di mettere seriamente mano alla mia vita e trovare la mia felicità».

 «Fu decisiva – aggiunge – una domanda del Vangelo di Giovanni ascoltata durante una conferenza. “Volete andarvene anche voi?” La sentii come rivolta a me, alla mia vita, tanto che decisi seriamente di rispondervi con la mia stessa vita. Intrapresi così un cammino di discernimento vocazionale che mi portò in seminario a Molfetta fino ad oggi. Mi piace dire sempre che quel 2012 fu l’anno in cui smisi di essere io a disegnare la mia vita e cominciai a farmela disegnare da “Qualcuno” dall’alto!».

 

 

(A cura di Michele Laddaga)

Scarica la locandina in allegato.

 



219 Total Views 3 Views Today