Triduo Pasquale 2020, Ricchiuti alle famiglie: «Trasformate le vostre case in chiese»

Vivere la Pasqua nel tempo della pandemia: il sussidio dell’Ufficio Liturgico Nazionale
2 Aprile 2020
Settimana Santa 2020: scarica il sussidio per pregare in famiglia
4 Aprile 2020
Show all

“Mamme, papà, figlie e figli carissimi,

quella che ci prepariamo a trascorrere, a cominciare dalla Domenica delle Palme e della Passione del Signore e fino al giorno di Pasqua, sarà davvero una Settimana Santa che il 26 febbraio u.s., mercoledì delle Ceneri, nessuno di noi avrebbe mai immaginato di viverla cosi come ci stiamo predisponendo a farlo, con un po’ di tristezza.

 Immaginavamo già i giorni della Quaresima con i tanti e bellissimi appuntamenti nelle nostre parrocchie: l’Eucaristia feriale e festiva, l’ascolto della Parola, la Lectio Divina, le Quarantore, la Via Crucis, le processioni penitenziali, le piccole rinunce quotidiane per aiutare i poveri e i bisognosi. E, infine, i giorni suggestivi e santi, che dal giovedì della Messa crismale, dalla lavanda dei piedi e della Cena del Signore, il venerdì della crocifissione e morte del Signore e il sabato del silenzio, esplodevano di luce nella Domenica della Risurrezione.

 Ma un imprevedibile, drammatico e tragico evento, il coronavirus, che ha visto sino ad oggi tanti nostri fratelli e sorelle essere contagiati, molti di loro morire e tanti, provvidenzialmente, guariti o in via di guarigione, (preghiamo per tutti loro e i famigliari, ringraziamo quanti, medici, infermieri e altri operatori sanitari, si stanno sacrificando e adoperando eroicamente negli ospedali) ci costringe a “restare a casa”.

 E allora in questi giorni, in modo tutto particolare, vi invito a continuare a trasformare le vostre case in chiese che vivono tra le mura domestiche. Un tavolo intorno a cui sedersi con fede, amore e affetto, un Crocifisso, una lampada accesa, il libro della Sacra Scrittura visibile e aperto, e queste pagine del Sussidio a voi consegnate, ringrazio molto l’Ufficio Liturgico Diocesano che le ha preparate, come guida per la vostra preghiera in un momento, in ciascuno dei tre giorni santi, che troverete maggiormente disponibile.

 Un silenzio, un canto e il parlare tra di voi, a tv, tablet e smartphone spenti, per ascoltarvi e ascoltare. E per cantare l’ALLEUJA nella domenica della Pasqua con il sorriso sulle labbra, la pace nel cuore e la speranza nei vostri occhi: perché Cristo è Risorto e in Lui tutto risorge!

 E, ancora una volta, sarà Pasqua!

Auguri, abbracci e benedizione”.

+ Giovanni Vescovo

 

Scarica il sussidio per la preghiera in famiglia per il Triduo Pasquale in tempo di emergenza sanitaria.

465 Total Views 3 Views Today