Spinazzola ricorda Michele Ruggieri, il missionario della città che evangelizzò la Cina

Venerdì 21 maggio si celebra la Santa Messa del Crisma
18 Maggio 2021
Altamura. Il 22 maggio a S.Agostino si celebra Santa Rita da Cascia
21 Maggio 2021
Show all
A 414 anni dalla sua morte, la comunità di Spinazzola ricorda Michele Ruggieri, colui che con la sua missione ha legato storicamente la città pugliese con l’Oriente, in particolar modo con l’India e la Cina dove ha esercitato la sua attività di evangelizzazione divenendo il primo sinologo d’Europa.  Morto l’11 maggio 1607 a Salerno, il gesuita Ruggieri è da sempre considerato un figlio di Spinazzola dove nacque il 28 ottobre 1543.
A celebrare le sue gesta, ci ha pensato il portale di informazione spinazzolaviva.it con una news pubblicata lo scorso 11 maggio a firma di Tiziana Di Gravina.

“Laureato in diritto canonico e civile – si legge nell’articolo – Ruggieri entrò nella Compagnia di Gesù il 27 ottobre 1572 e, terminata l’ordinaria formazione spirituale ed intellettuale gesuita, partì alla volta di Lisbona con destinazione Estremo Oriente. Ordinato sacerdote nel marzo del 1578 mentre attendeva la nave che l’avrebbe portato nella città indiana di Goa, è proprio in India che inizia il suo percorso missionario di evangelizzazione mostrando spiccate doti di acquisizione della lingua straniera in tempi rapidi e con eccellenti risultati.

Con questo dono gli viene conferito incarico di avviare una nuova missione in Cina dove il poeta, scrittore, dottore in diritto canonico imparò a comprendere, parlare, leggere e scrivere la complessa lingua del mandarino usata da letterati, nobili, magistrati in tutto l’impero fino a fondare la prima scuola di lingua cinese per stranieri, la Shengma’erding Jingyuan (la casa di San Martino).

Ottenuto un permesso formale, Ruggieri si stabilì a Zhaoqing, prima tappa della “lunga risalita” verso Pechino, insieme ad un altrettanto abile linguista, il gesuita marchigiano Matteo Ricci col quale fondò un’attiva casa missionaria gesuita. Durante le sue visite ai villaggi nelle regioni egli battezzò diverse famiglie che divennero gli avamposti delle prime comunità cristiane in terra cinese e sono diverse le testimonianze di questo missionario lasciate attraverso le sue opere non solo di evangelizzazione”.

“Al gesuita spinazzolese – spiega Tiziana Di Gravina –  si deve la pubblicazione, nel 1584, del primo Catechismo cinese, il primo libro in lingua cinese scritto da un europeo a cui vennero allegati i dieci comandamenti, ma anche una delle prime raccolte di carte geografiche manoscritte della Cina, tradotte in latino da fonti cinesi (atlanti e carte geografiche). Databili al 1606, furono redatte quasi cinquant’anni prima delle carte manoscritte del gesuita polacco Michał Boym e del Novus Atlas Sinensis del gesuita trentino Martino Martini (stampato ad Amsterdam dall’editore Johan Blaeu nel 1655 e immediatamente tradotto in numerose lingue). Il manoscritto originale del suo primo Atlante della Cina è attualmente conservato nell’Archivio di Stato di Roma.

Richiesto a Roma per sollecitare il Papa affinché si istituisse un’ambasceria pontificia, si ritirò poi a Salerno dove continuò il suo lavoro intellettuale contribuendo a diffondere in Europa la cultura cinese. È sua la traduzione latina dei Quattro libri (classici testi cinesi sull’introduzione alla filosofia di Confucio), a lui è attribuita la traduzione e diffusione nella terra del Celeste Impero del Padre Nostro, Ave Maria e Gloria, scrisse poesie in cinese e diffuse carte geografiche che aveva portato con sé da Zhaoqing.

In Cina viene ricordato in occasione di eventi e convegni sulla storia e la comunità dei gesuiti. A lui fu dedicata una mostra nel 2012 al Museo di Macau dal titolo “Journey to the Ends of the World: Michele Ruggieri and Jesuits in China”, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Hong Kong con il supporto del Consolato Generale Italiano di Hong Kong e Macao”.

“Oggi che Spinazzola guarda all’Oriente grazie al prestigio delle produzioni cinematografiche come “Spaccapietre” dei fratelli De Serio e “Pinocchio” di Matteo Garrone, appare ancora più importante ricordare uno degli illustri figli della nostra terra: il gesuita Michele Ruggieri per il profondo solco che l’uomo di fede e di cultura ha tracciato nella storia, consentendo la comunicazione fra culture lontane e diverse, portando l’Europa in Cina e la cultura cinese nel vecchio continente per la prima volta”.
(Fonte: spinazzolaviva.it)
111 Total Views 9 Views Today