Altamura. Si inaugura oggi la nuova sede della Biblioteca e dell’Archivio Diocesano

Una nuova sede per l’Archivio e la Biblioteca Diocesana sede di Altamura già Archivio e Biblioteca Capitolare di Altamura.

Accogliendo il bisogno reclamato più volte, la nuova sede, oltre ad avere spazi più luminosi e ampi per accogliere altri libri donati o acquistati, offrirà circa 10 postazioni per lo studio pomeridiano di ricercatori e studenti che vorranno usufruire di questo Istituto Culturale. Basterà diventare soci con una tessera annuale da sottoscrivere.

In collaborazione stretta con l’ABMC si offriranno opportunità per piccoli e grandi per valorizzare l’archivio più antico della città di Altamura con le pergamene e i vari registro che pian piano vengono digitalizzati. In questi ultimi dieci anni sia l’archivio che la biblioteca sono stati oggetto di catalogazione a cura delle d.sse Valeria Gentile, Ester Larosa e la preziosa collaborazione e supervisione del Prof. Giuseppe Pupillo (vice direttore dell’archivio e biblioteca diocesana di Altamura) e della sig.ra Bruna Pupillo.

Al Comune di Altamura spetterà quanto prima sistemare i locali adiacenti del monastero del soccorso per arrestare le pericolose infiltrazioni di acque meteoriche che hanno rallentato l’apertura e vanificato alcuni restauri.

L’evento di inaugurazione presieduto da S. Ecc.za Mons. Giovanni Ricchiuti, con la presenza del Capitolo Cattedrale di Altamura guidato dal presidente Mons. Vito Colonna si terrà nella giornata della Festa Patronale di Santa Irene per mantenere quella identità cittadina e Capitolare che contraddistingue l’istituto culturale dell’archivio e della biblioteca.

Un plauso va a tutti coloro che sottoscrivono l’8 per mille alla chiesa cattolica perché grazie ai fondi dell’ufficio nazionale per i beni culturali della conferenza episcopale italiana è stato possibile catalogare i beni e arredare gli ambienti. Nascerà da subito l’associazione Amici dell’archivio e della biblioteca diocesana di Altamura volta ad accogliere quanti vorranno collaborare per l’apertura più ampia possibile di tali ambienti non potendo usufruire di personale dipendente o di fondi necessari a tale scopo.

 

Scarica la locandina

 

150 Total Views 2 Views Today