Il 19 settembre si celebra la Giornata per il sostentamento del clero

Gravina. San Michele Arcangelo in pellegrinaggio tra le parrocchie della città
16 Settembre 2021
Conferenza Episcopale Pugliese, il resoconto della riunione del 13 settembre
20 Settembre 2021
Show all

Domenica 19 settembre 2021 si celebra la Giornata nazionale delle offerte per il sostentamento del clero, giunta quest’anno alla 33ª edizione e celebrata in tutte le 26 mila parrocchie italiane.

Quella in programma domani «non è solo una domenica di gratitudine per le loro vite donate al servizio del Vangelo – spiega don Giovanni Giove, incaricato diocesano per il Sovvenire – ma un’occasione di sensibilizzazione circa il loro sostentamento». L’iniziativa richiama l’attenzione delle comunità sulla missione dei sacerdoti, sulla loro opera e sulle offerte che sono dedicate al loro mantenimento.

Nonostante siano state istituite nel 1984, a seguito della revisione concordataria, le offerte deducibili sono ancora poco comprese ed utilizzate dai fedeli, che ritengono sufficiente l’obolo domenicale; in molte parrocchie, però, questo non basta a garantire al parroco il necessario per il proprio fabbisogno. Da qui l’importanza di uno strumento che permette a ogni persona di contribuire, secondo un principio di corresponsabilità, al sostentamento di tutti i sacerdoti diocesani e che rappresenta un segno di appartenenza e comunione. L’importanza di questa unione è sottolineata anche dal nuovo nome attribuito alle offerte che da Insieme ai sacerdoti diventano Uniti nel dono per mettere, ancor più, in evidenza il principio di reciprocità e condivisione che rende forti le comunità parrocchiali e il valore della comunità stretta intorno al proprio parroco.

«Ognuno doni secondo le proprie possibilità – aggiunge don Giovanni Giove – anche un piccolo importo, ma in tanti. Un piccolo gesto, se lo facciamo insieme diventa un grande aiuto per tutti i sacerdoti. Non rinunciamo a partecipare al loro sostentamento: siamo vicini ai nostri sacerdoti come loro lo sono a noi! Possiamo donare con i bollettini postali che troviamo in fondo alla chiesa o con altre modalità indicate nello stesso pieghevole. Ogni importo è deducibile dalla dichiarazione dei redditi. Questo piccolo gesto ci fa crescere come comunità, sempre più consapevole e partecipe».

 

(Articolo a cura di Michele Laddaga)

63 Total Views 3 Views Today